Libri di favole da leggere ai bambini

Tutti, da piccoli, abbiamo letto i libri di favole. Le fiabe per bambini sono dei classici della letteratura per grandi e piccini che davvero non deludono mai. In questi primi 4 anni e mezzo con la fagiola ne abbiamo raccolti parecchi, di libri di fiabe, e oggi ho voluto dedicargli un post per mostrarteli e aiutarti a scegliere quello/i più adatti da leggere con il tuo bimbo.

Favole per neonati e bimbi piccoli

Partiamo dall’inizio, dai primi libretti con cui il tuo bambino verrà in contatto. Io ho iniziato a leggere ad Adele che era ancora nella pancia e posso dire che non ho mai smesso. Certo, le soddisfazioni più grandi in termini di attenzione e scelta autonoma di cosa leggere arrivano più avanti, ma se abitui il tuo bambino ad ascoltare e ad apprezzare l’oggetto libro sarà sicuramente più facile che diventi un buon lettore.

Tra i libri di fiabe per bambini piccoli che più abbiamo amato ci sono sicuramente questi tre.

Le più belle fiabe illustrate per i più piccoli delle Edizioni EL è stato il primo libro che io e il papà abbiamo letto alla fagiola, quando aveva ancora pochi mesi, per accompagnarla durante le nanne. Sono favole della tradizione, non troppo lunghe, con bellissime illustrazioni (che all’inizio guardavamo solo noi).

libri di fiabe illustrate
fiabe illustrate bambini

Lo so, se le avessimo letto la lista della spesa o una ricetta di cucina l’effetto sarebbe stato lo stesso, perché qui non sono tanto le parole che fanno assopire ma la cadenza e la melodia della voce di mamma e papà. Però è stato bello riscoprire certi racconti di una volta e sicuramente male non le han fatto.

Sull’importanza di leggere ad alta voce ai bambini ne ho già scritto qui, se vuoi ripassare 😉

• Un altro bel libro è Riccioli d’Oro di Attilio (edizioni Lapis). Questo libretto fa parte di una collana che consiglio ai genitori di bimbi piccoli (indicativamente dai 18 mesi), per avvicinarli al mondo della lettura partendo proprio dalle favole educative per bambini.

attilio riccioli d oro fiabe per neonati

La grafica di Attilio Cassinelli è semplice, nitida, fatta di forme geometriche ben definite, senza fronzoli e con contorni ben delimitati (ottime anche per i neonati che, come sai, vedono meglio immagini definite).

libri fiabe per bambini piccoli

La stessa semplicità si ritrova anche nei testi, molto brevi ma non per questo meno d’effetto. Ogni favola viene narrata per punti essenziali, senza dilungarsi su dettagli superflui, ideali per i bambini che stanno imparando a formare il loro vocabolario.

riccioli d oro attilio

Anche il formato è perfetto: sono libretti quadrati, dalle pagine in cartoncino molto spesso, resistenti e facili da sfogliare anche per chi ha le manine piccole.

La collezione è davvero ricca di titoli: 

  • Cappuccetto Rosso
  • I tre porcellini
  • Il principe ranocchio
  • Il leone e il topo
  • La gallinella rossa
  • Il pifferaio magico
  • Topo di campagna e topo di città
  • Pinocchio
  • Il lupo e i sette capretti
  • Riccioli d’oro

Se vuoi puoi acquistarle su Amazon con un clic:

Favole classiche per bambini

Qui c’è davvero da sbizzarrirsi.

Posto che le versioni originali non sono mai uguali a quelle che leggiamo nei libri per i bambini, secondo me per fare una scelta azzeccata bisogna valutare diversi parametri:

  • Illustrazioni: i bambini, soprattutto quelli piccoli, si lasciano cullare dal suono della tua voce ma buttano sempre un occhio alle immagini e spesso queste raccontano molto più di quello che le tue parole dicono. Ecco perché è importante scegliere fiabe illustrate con disegni ricchi, colorati e ben fatti.
  • Traduzione e attinenza con la storia: molte volte, per accorciare o eliminare parti troppo forti, la storia viene travisata, perdendo di senso. I bambini sono molto più attenti di noi e se qualcosa non torna te lo faranno notare subito. Hai voglia, poi, a spiegargli perché…
  • Formato del libro: presentarsi a casa con un librone rilegato in brossura da 300 pagine, pieno di scritte (e magari povero di immagini) non sarà sicuramente una scelta apprezzata, per quanto la convenienza possa averti spinto a dire: “meglio prendere questo che le ha tutte, così risparmio”. I bambini, se avvicinati fin da subito all’oggetto libro, amano sfogliarlo da soli: la fagiola, ad esempio, legge sempre alle sue bimbe (le bambole, ndr) e non prenderebbe mai in considerazione di mettersi davanti un tomo in stile enciclopedia. Apprezza invece molto di più i libri di piccolo formato, agili e maneggevoli, che può manovrare in tutta facilità.

Ecco alcuni esempi ben riusciti. Questi sono due dei volumi dedicati alle fiabe classiche della Edizioni Del Baldo. La copertina è leggermente imbottita e le pagine sono plastificate lucide, per rendere ancora più luminose le colorate illustrazioni all’interno.

libri di fiabe
libri di fiabe edizioni del baldo

Ma torniamo un attimo sul discorso “traduzioni e attinenza alla storia”. A casa ho un libro con le favole classiche dei fratelli Grimm, in versione originale, e ti assicuro che sono davvero truculente, fin troppo forti anche per un adulto. Molto meglio, per cominciare, buttarsi quindi su libri di favole illustrate per bambini, senza dimenticare certo la morale e l’insegnamento che la storia vuole darne, ma magari togliendo un po’ di violenza.

Giusto per farti un esempio, in Cenerentola una delle sorellastre si taglia le dita del piede e l’altra il tallone, così da poter indossare la scarpetta di cristallo. Come glielo spieghi, a una bambina di 4 anni, che queste erano davvero disposte a tutto pur di sposare il principe, ma che non è così che ci si dovrebbe comportare? Che per vivere bene non serve barare o costringendo il proprio corpo in forme che non sono le nostre? Io preferirei evitare, per il momento, e farle vivere un’infanzia serena, piena di rosa/fucsia e gonne che fanno la ruota.

Se cerchi qualcosa di più semplice, per quanto riguarda i libri di favole per bambini, io ti suggerisco anche questo.

libro filastrocche richard scarry

Richard Scarry forse lo conosci già: è il creatore di Sandrino e Zigo Zago. Qui però i due personaggi non ci sono, almeno non con il loro nome di battesimo, ma le illustrazioni ricordano in tutto e per tutto il mondo di Felicittà e i suoi abitanti. Solo che qui i personaggi si trovano a reinterpretare le avventure favolistiche di Cappuccetto Rosso, Il lupo e i sette capretti, I tre porcellini ecc.

Tutte le favole sono narrate in rima, baciata o alternata, così sono facili da memorizzare (la fagiola ne recita pezzi qua e là, nei momenti più impensabili) e arricchite delle tipiche illustrazioni di Scarry.

fiabe e filastrocche in rima

Favole della buonanotte illustrate

Sui libri della buonanotte ho in programma a breve un post dedicato (per non perderlo, iscriviti alla newsletter da qui), però intanto volevo parlarti di due libri che noi abbiamo letto per mesi proprio come letture pre-nanna.

Li ho entrambi già recensiti un po’ di tempo fa, quindi non mi dilungo oltre e ti rimando agli articoli di approfondimento dedicati. Si tratta di:

Favole sonore per bambini

Quello dei libri sonori è ancora un mondo da scoprire, per noi. Non ne abbiamo tantissimi, preferendo il suono della nostra voce a quello registrato di qualcun altro, ma qualcosa nella nostra libreria c’è. Ad esempio questo:

fiabe sonore fabbri

“A mille ce n’è, nel mio cuore di fiabe da narrar” è un refrain che conosciamo tutti. Le fiabe sonore sono comparse per la prima volta negli anni Sessanta e a più di cinquant’anni di distanza sanno ancora farsi apprezzare. Soprattutto grazie alle forme più moderne di audio (leggi podcast e audiolibri) ma anche a libri preziosi come questo edito da Fabbri, accompagnato da 2 CD audio con dieci delle favole per bambini più famose, tra cui Biancaneve, Hansel e Gretel, Alì Babà e i quaranta ladroni e Cappuccetto Rosso.

fiabe sonore fabbri

Le favole, come nel progetto originale Fabbri, sono raccontate a voce, ma potete sempre decidere di seguire il testo sulle pagine di questo grande librone rilegato.

fiabe sonore bambini

In alternativa i più tecnologici possono sempre optare per la versione per tablet e smartphone. Le Fiabe sonore si possono ascoltare infatti direttamente sul dispositivo, con l’app realizzata da Centauria oppure abbonandosi a Storytel. L’app permette di ascoltare le fiabe guardando le illustrazioni originali e leggendo il testo sullo schermo (per iPad ci sono più funzionalità rispetto all’iPhone), e intrattenersi con alcuni giochi legati alla storia. 

Una valida alternativa da usare in auto, durante lunghi viaggi, o quando non sapete come intrattenere bambini particolarmente irrequieti o che si annoiano facilmente. Mi raccomando però a limitare il tempo di esposizione ai dispositivi tecnologicicome suggerito in questo articolo di UPPA. Molto meglio preferire il classico libro di carta 😉

Favole Disney da leggere

Da quando è nata la fagiola, la TV in casa nostra è sempre spenta, ed è diventata più un soprammobile da spolverare che altro. I suoi primi cartoni animati li ha visti che aveva poco più di 2 anni e ancora adesso sono ben distribuiti nel corso della giornata: uno a colazione e uno a merenda. Preferiamo, durante il giorno e soprattutto la sera, dopo cena, giocare, leggere, saltare, insomma fare altro che imbambolarci davanti allo schermo. E ti dirò che mai scelta fu più azzeccata!

Stare senza televisione è una gran liberazione!

Da qualche mese abbiamo introdotto, in occasioni “speciali” tipo feste di Natale o giornate particolarmente grigie (in tutti i sensi) i film di animazione e siamo ovviamente partiti dalle fiabe Disney. Il percorso che abbiamo scelto, però, è stato un po’ particolare.

Abbiamo iniziato con i libri (ma va?) e dopo averli assimilati bene ci abbiamo aggiunto il film, così da rivedere su schermo la storia che già conoscevamo. Perché questa scelta? Perché secondo me a 4 anni alcune scene sono ancora un po’ forti, alcune emozioni sono ancora difficili da comprendere, e il libro ci permette di elaborarle e analizzarle più facilmente, rispetto al film.

A tal proposito ti consiglio un libro sulle emozioni davvero ben fatto, per avvicinare il tuo bambino alle mille sensazioni che prova e a cui spesso non riesce a dare un nome e una spiegazione.

Prendiamo il caso de “La Bella e la Bestia”. Il libro che abbiamo noi è quello della collana Fiabe Preziose della casa editrice DeAgostini.

fiabe preziose deagostini

Ci sono praticamente quasi tutte le favole classiche che la Disney ha riadattato in film: da Cenerentola alla Sirenetta, da Pinocchio alla Regina delle Nevi.

Adele sta attraversando la sua fase “principesca”, quindi ho scelto di iniziare proprio con Belle. Il racconto originale è di Gabrielle-Suzanne Barbot de Villeneuve, qui riadattato e semplificato a misura di bambino.

libri di favole per bambini

Accompagnata da illustrazioni a mio avviso meravigliose, la storia è breve ma intensa. E a rendere tutto ancora più magico e memorabile c’è il formato di questi libri: un bel quadrato di grandi dimensioni in cartoncino leggero, per nulla pesante da tenere in mano anche se lo leggi sdraiato a letto (come accade quasi sempre a noi), con i testi scritti belli in grande, quindi adatti anche a bambini che leggono in autonomia.

E tu dove ami leggere con il tuo bambino? Hai già creato un children reading corner in casa?

Dopo qualche settimana abbiamo guardato il film e ti dirò che le scene in cui la Bestia si arrabbia sono state forti anche per me (sarà che non sono più abituata), immagina per un bambino. In alcune scene Adele aveva gli occhi lucidi ed era un po’ spaventata… poi però ha svicolato dicendo che era la luce del lampadario che le dava fastidio e le faceva lacrimare gli occhi (furbetta!).

In realtà questo non è stato il primo film di animazione che abbiamo visto, il primo in assoluto è stato quello di una cosiddetta fiaba moderna: Frozen (Frozen 1, perché il 2 non l’abbiamo ancora recuperato), visto per la prima volta 4 mesi fa, più o meno in concomitanza con il 4° compleanno di Adele. L’abbiamo guardato più per curiosità indotta che altro, tutti ne continuavano a parlare a scuola, di questa Elsa e di sua sorella Anna, che volevamo sapere anche noi chi fossero. Essendo il primo esperimento non siamo partite dal libro ma direttamente dal film e mi sono resa conto che spiegare certi concetti visti sullo schermo è molto più difficile, rispetto a leggerli sulle pagine e poterli metabolizzare insieme.

Tipo: perché Elsa non vuole giocare con sua sorella? Perché vive da sola, in un’altra casa? Sono tutte domande a cui, se non hai almeno visto prima tu adulto il film da solo, subito non riesci a rispondere. Certo, vale lo stesso per il libro, ma è sicuramente più facile leggere 4/5 pagine avanti, che guardarsi 1 ora di cartoni animati nei pochi momenti liberi per essere preparati a dare spiegazioni.

Quello che in parte aiuta, però, in questo genere di pellicole sono le canzoni, che spezzano un po’ la storia e rimangono impresse nella memoria.

Poi dalla loro i bambini hanno la capacità di dare un significato tutto personale alle cose che vedono e sdrammatizzare anche i momenti più delicati, come quando Anna diventa di ghiaccio e sembra morta.

Tra i libri di favole che raccontano bene le emozioni ci sono anche quelli della collana Fabbri Editori. Qui vengono riproposte le fiabe classiche in una forma inedita, dove le parole della psicologa Stefania Andreoli guidano grandi e piccoli alla scoperta delle emozioni, in un formato adatto fin dalla più tenera età e con illustrazioni d’autore.

libri fiabe bambini
Scopri la collezione completa

Dopo questa bella carrellata, spero di averti dato qualche spunto interessante sui libri di favole per bambini.

ps: Molti dei libri che ti ho citato in questo articolo noi li abbiamo comperati usati su Libraccio. È un servizio molto comodo e la qualità è sempre garantita. Se vuoi sapere come funziona leggi questo post, ma ti avviso: poi non potrai più farne a meno.