Basta un pomeriggio con tuo nipote cinquenne per scoprire nuovi meravigliosi libri per bambini. Questa volta è toccato a Dov’è Wally? pubblicato da L’Ippocampo. Non un semplice libro, ma un vero e proprio gioco aguzza-la-vista. Me ne sono innamorata all’istante.

L’originalissimo personaggio nato dalla penna di Martin Handford, con indosso una camicia a righe bianche e rosse, un berretto e un paio di occhiali, ama i luoghi particolarmente affollati. E a volte è davvero difficile – direi, difficilissimo – trovarlo in mezzo alla gente. Nelle tavole dettagliatamente illustrate di cui si compongo i vari libri della serie, Wally ama perdersi qua e là e starà a voi, e ai vostri figli, individuarlo. Giusto per darvi un’idea, ecco una pagina del libro che abbiamo noi (Il viaggio fantastico).

wally

Where’s Wally? (o Waldo, come lo chiamano negli Stati Uniti) fu pubblicato per la prima volta negli anni Ottanta e in Italia arrivò nel 1994 come allegato al quotidiano L’Unità. I libri hanno dato vita a una vera e propria Wally-mania, con più di 50 milioni di lettori in 40 diversi paesi. Nel nostro paese trovate 4 volumi di grandi dimensioni più un’originalissima edizione tascabile Dov’è Wally? Travel Collection che contiene ben 7 avventure (tre ancora inedite), per avere Wally sempre con voi.

Ci vuole un occhio allenato, un bel po’ di pazienza e una lente di ingrandimento per scovare il personaggio e i suoi amici tra la folla. Sì, perché a rendere ancora più complesso e divertente il gioco ci si sono messi pure Wanda, Bau, il mago Barbabianca e Wigor, oltre a una serie di piccoli oggetti nascosti tra le persone. Sul web esistono anche vari trucchetti, che vi facilitano il compito, ma rischiereste di perdervi tutto il bello.

Quelli che l’autore ama definire “giochi di parole visivi” sono vere e proprie sfide da fare in famiglia, perché Wally vi conquisterà in un baleno.

Età di lettura: da 6 anni